FAMIGGHIA, ORO E RADICI

Sono sempre stato piuttosto critico nei confronti dell’istituto familiare. Di solito evoca in me idee e sentimenti estranei: matrimonio, cattolicesimo, pannolini (e poi panni sporchi), parenti (e serpenti), piccinerie borghesi e carrelli del supermercato, orticelli da coltivare e conti in banca da preservare – insomma, tutto tranne l’amore tra due persone. Se poi si traspone tutto ciò nella mia amata terra siciliana, beh, si corre veramente il rischio del parossismo; che cos’è la mafia nella sua essenza se non familismo allo stato puro, condito di cannoli e piombo?

Ma veniamo al motivo di questo post di fine luglio, che in realtà non vuole parlare (né criticare o infangare il nome) di famiglia, bensì limitarsi a rievocare un piccolo fatto privato, avvenuto in Sicilia esattamente mezzo secolo fa. Come ci si possa sposare il 31 luglio da quelle parti senza morire soffocati, per di più con abiti non proprio leggeri, rimane per me un mistero. E solo Dio sa come si possa poi stare insieme per 50 anni, dopo un matrimonio combinato. Guardando le poche fotografie rimaste, cerco di immaginare l’atmosfera, i pensieri, le parole, i desideri, le paure e le speranze, il suono della fisarmonica, gli auguri di rito, le grida dei bambini, i vecchi con la coppola, l’odore di cannella dei bocconetti appena sfornati… le trame possibili da cui, forse, sarei nato. E ho come la sensazione che l’isola voglia tenersi ben stretti i suoi segreti.

Comunque, in quel giorno radioso di luglio di cinquant’anni fa, quelli che poi sarebbero diventati mio padre e mia madre, erano bellissimi!

Annunci

Tag: , ,

8 Risposte to “FAMIGGHIA, ORO E RADICI”

  1. enrico de lea Says:

    a parte il mese (i miei genitori si sposarono ad aprile, ergo assai più freschi stettero), mi sembra di leggere la vicenda dei miei – un matrimonio combinato e questo esser legati come per un miracolo: mio padre è mancato 12 anni or sono e mia madre tuttora mi parla di un vuoto lancinante
    (era un vecchio maestro scuola, di poche parole, di quelli strani, appassionato del tressette, comunista e innamorato di Manzoni e delle scienze, ed amico dei preti più originali e fuorilinea – uno con la Costituzione sottolineata e coi libri di Salvemini, uno che quando tornavo dal nord in Sicilia scriveva laconicamente nel suo diario: “oggi è arrivato E.: sono contento”, e diceva tutto un legame in poche scarne parole) –

    tutto questo per dire che hai scritto un bel pezzo , davvero commovente e vero e “necessario” – complimenti (buone vacanze), E.

  2. md Says:

    grazie Enrico; anch’io sono commosso per il meraviglioso (e sicilianissimo) ritratto di tuo padre; buone vacanze anche a te!

  3. lealidellafarfalla Says:

    E’ più facile se il matrimonio è combinato, infatti non ci saranno né cali emotivi né asimmetrie sentimentali, tutto si svolgerà nell’equilibrio della combine.

  4. Daniele Verzetti, Rockpoeta Says:

    Erano altri tempi e cmq Fabrizio ha ragione sul fatto che il matrimonio combinato in teoria può durare di più, o forse poteva. Il rischio è che uno dei due si innamori davvero di altri. Oggi è impossibile, ed è giusto che sia così. Scegliersi per poco tempo o tutta la vita ma scegliersi per quello che si sente dentro.

    Detto ciò, il tuo post è bellissimo e l’amore che si sente dentro alle parole che hai usato lo rendono unico. Forse uno dei tuoi post più belli, forse il più bello.

    Ciao
    Daniele

  5. md Says:

    Grazie Daniele, in effetti averlo scritto ha avuto un effetto di moltiplicazione emotiva, ieri per tutto il giorno non ho quasi pensato ad altro, e la scia non si è ancora richiusa…

  6. piamigliorino Says:

    occia, piacere a Lei e Sua famiglia

  7. redbeppe Says:

    io non sono siociliano ma sardo , però devo dire che hai rappresentato benissimo la situazione del sud , dove si è più lefgatio ale tradizioni . rispondo ala tuia domanda . sarà l’amore è la forza dell’amore verso la persona chesi ama oltre le tradioni che fanno fare follie come queste

  8. maria pia lippolis Says:

    Adamo ed Eva di Klimt……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: