La Gazzetta di Diogene – nr. 7

♦ Il IV governo Berlusconi, LX della Repubblica, ha battuto la mafia. Nel senso che l’ha annessa  e posta sotto il proprio diretto controllo. Se i capimafia non posson diventare re, i re possono ben diventare capimafia – come i filosofi di Platone… O viceversa?

♦ A proposito di Platone e dei suoi maldestri tentativi siracusani: ci si aspetta ora, finalmente, un neorinascimento culturale ed economico nella Sicilia liberata.

♦ Il ministro Alfano ai magistrati: meno comparse in tv e meno convegni. Lo ha detto ripreso dalle tv (come gli succede tutti i giorni), ad una conferenza stampa…

♦ La frase pronunciata: “Lavorando di più in Procura e senza le luci delle telecamere si arresta qualche latitante in più, quindi con qualche convegno in meno e qualche latitante in più si fa il bene del paese”. (La parolina mancante “arrestato” dopo il secondo latitante è da intendere come una banale abbreviazione linguistica o che cosa? A meno che il lapsus non si riferisse al suo padrone…)

Sufyan ibn ‘Unyayna sta sul cazzo ai leghisti (che però non sanno chi è, ma del resto non lo so nemmeno io), solo per aver attribuito all’odiato Maometto la seguente massima: “Quando entri in un Tesoro, fa’ attenzione a non uscirne finché non hai compreso ciò che contiene” – frase incisa su una targa della Biblioteca Ambrosiana di Milano (peraltro poco frequentata dai suddetti leghisti) e raccomandata dall’arcivescovo-capomafia-imam-comunista Dionigi Tettamanzi. A parte la vagonata di imbecillità, qualcuno ci ha capito qualcosa?

♦ Il papa lamenta che è solo il male a fare notizia. Ha ragione, ma il bene ha sempre avuto un’audience scarsissima, anche perché di solito è noioso e convenzionale. Però Benedetto dimentica di dire una cosa fondamentale: che l’associazione di cui lui è infallibile capo, sul male ci ha costruito un impero millenario…

♦ Al via il processo Eternit. Quasi tremila vittime (2200 effettive e 700 condannate a morte) per l’amianto. Una strage orizzontale e distillata nel tempo che ha prodotto lo stesso numero di morti e lo stesso dolore, ma non lo stesso sconcerto e furor di stato e popolo, di quella strage verticale e simultanea accaduta a New York verso le 9 di mattina di un 11 settembre…

Annunci

3 Risposte to “La Gazzetta di Diogene – nr. 7”

  1. Kinnie51 Says:

    Simpaticissima questa gazzetta. Ciao.:)

  2. Daniele Verzetti, Rockpoeta® Says:

    Il processo Eternit é un importantissima notizia: spero davvero che Guariniello riesca ad ottenere giustizia per i parenti di quelle vittime.

  3. Daniele Verzetti, Rockpoeta® Says:

    errata corrige: un’importantissima notizia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: