Aforisma 24

Solo alla morte non c’è rimedio. Anche se talvolta lo è.

Annunci

Tag:

7 Risposte to “Aforisma 24”

  1. Giovanna Amoroso Says:

    … O forse no… Un bel dilemma!

    Serena giornata

    Giovanna

    P.S: Visto che questo bel “spazio filosofico on-line” è di mio gradimento, con immenso piacere ho aggiunto il suo link fra i miei COMPAGNI DI BLOG!

    A presto!

  2. Fabio S. Says:

    La morte e’ solo l’altra faccia della vita. La decomposizione genera nuova vita. Tutto si trasforma incessantemente.

    Insomma: nulla muore in eterno.

  3. Paola Says:

    E’ necessario che il “vecchio” muoia, per poter dare origine al “nuovo”.

  4. Daniele Verzetti, Rockpoeta® Says:

    Straordinario questo aforisma! Sul serio!

    Auguri Mario
    Daniele

  5. luther Says:

    Aforisma che impone un commento importante, profondo…a quest’ora poi…vabbuo’…Se fossi credente, se avessi fede, direi che il rimedio alla morte e’ la resurrezione…tutte le religioni per esistere hanno bisogno della morte…
    Purtroppo non ho il “dono” della fede…(perche’ a me non e’ stata data?)…e quando penso alla morte… mi capita spesso…io non ho rimedi…la mente comincia a smarrirsi…immagino il nulla…Si’ il nulla assoluto! E’ pensabile il nulla?Mah…
    Ok…e’ tardi…meglio non pensare troppo…anzi mi aiuto con un copia e incolla…
    “La morte non è niente per noi. Ciò che si dissolve non ha più sensibilità, e ciò che non ha sensibilità non è niente per noi.” Epicuro
    …ah sANT’ aGOSTINO …”La morte non e’ niente.”
    a presto…Buona Befana a tutti…speriamo che mi porti un po’ di fede.

  6. md Says:

    @Daniele Verzetti: grazie e auguri anche a te!

    @luther: davvero la morte non è niente, e se non è niente vuol dire che non esiste (il nulla non può essere) – è la nostra costituzione umana, e occidentale in particolare, a dare così tanta importanza a quella soglia, perché ci spaventa, quando non ci terrorizza, l’accettazione della semplice verità di essere parte del tutto, una relazione di corpi e con corpi destinata a rientrare nell’eterno processo della vita (come ci ricordano Fabio S. e Paola).
    Torno a citare Spinoza: “L’uomo libero a nessuna cosa pensa meno che alla morte: e la sua saggezza è una meditazione della vita, non della morte”.

    Con il che contraddico forse lo spirito dell’aforisma, ma è nella sua natura di essere insieme allusivo e foriero di dubbi…

  7. Lara'76 Says:

    Nell’ultima settimana sono morta 3 volte.

    E’ la mia stessa vita fatta di tante morti.

    Rinasco, risorgo.

    Noi tutti Dio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: