Aforisma 35

Literaturieren ist spinozieren…
Il romanziere è in letteratura come lo spinozista in filosofia: distaccato, onnicomprensivo, indulgente, privo di livore. Il perfetto ecumenico.

Annunci

Tag: ,

9 Risposte to “Aforisma 35”

  1. Carla Says:

    Nietzsche non rientrerebbe in questa categoria….
    (per questo l’ho amato;-)

    il vero romanziere deve far sentire l’adrenalina scorrere nelle vene…come in quel frammento di “il fu Mattia Pascal”, dove Pirandello fa sentire tutta l’ecitazione della “tavola da gioco”….

    sei d’accordo?:-)

  2. md Says:

    @Carla
    sì, ma per farlo deve essere egli stesso quell’adrenalina, quelle vene e quell’eccitazione
    (e Nietzsche, che pure non era certo ecumenico, anzi, si sentiva non poco spinozista…)

  3. Carla Says:

    certo!
    chi scrive non deve mica improvvisare…deve vivere in prima persona quello che pensa di far vivere agli altri, se vuole risultare credibile.
    sia chiaro che non ho nulla contro la letteratura di fantastica….va bene per chi ha bisogno dei sogni :-).

  4. xavier Says:

    La sterminata galassia dei romanzieri, dai suoi inizi ad oggi, offre di tutto: le più diverse tipologie, le più diverse individualità e, come per altre professioni, il meglio e il peggio che sono anche tra i lettori. Questo, naturalmente, attraverso i loro scritti, e tralasciando le loro biografie, spesso lontanissime dalle storie dei personaggi che hanno inventato. Ed é forse proprio quando si allarga la dicotomia fra realtà del vivere e la finzione dello scritto, che é più possibile esercitare lo spinozismo letterario di cui si parla nell’aforisma, e dare maggior forza al proprio sentire.

  5. carla Says:

    ma lo spinozista non è quello che vede l’essenza di dio in tutte le cose?
    😉
    è vero, il distacco rende la mente più lucida, ma il vissuto è molto pù interessante.

  6. xavier Says:

    Vi sono grandi scrittori che hanno avuto, almeno in apparenza, esistenze per nulla interessanti, se osservate dal punto di vista delle loro narrazioni. Per altri, nonostante le vite tumultuose, i risultati letterari non stati eccelsi. Qualcuno ha combinato bene entrambe le cose, ed eccoci servito il “maledettismo” di certi scrittori. Più che di distacco, però, credo sia il caso di parlare di onestà intellettuale, virtù difficilissima da esercitare anche sulla carta, a suo modo anch’essa un palcoscenico di non piccole dimensioni.

  7. md Says:

    Quel che mi premeva sottolineare, però, era soprattutto il rapporto dello scrittore con le sue creature, i suoi “personaggi”: non ne può odiare davvero nessuno, nemmeno il più malefico. Non può giudicarli, deve solo farli vivere “secondo la loro natura”.

  8. xavier Says:

    Sono d’accordo, m.d., ed é anche per questo che mi riferivo all’onestà intellettuale: la capacità, cioé, di lasciare a chi legge l’analisi dei personaggi, senza pre-orientarne furbescamente, narcisisticamente, il giudizio.

  9. wordandpoetry Says:

    Spinoza riteneva che per elevarsi a una conoscenza adeguata della realtà, l’uomo deve quindi contenere la prepotenza dell’immaginazione e cercare di guadagnare una visione adeguata di Dio stesso, cioè del fondamento ultimo di tutta la realtà, immanente ad essa come a tutte le sue manifestazioni. Uno scrittore molto spesso si esprime a pieno attraverso le sue immagini trasposte su un foglio bianco, Si esprime e quindi comunica. Nel caso in cui comunchi senza manipolazioni e con eleganza stilistica e ricercatezza, ho l’idea che sia degno di essere ascoltato come strumento di Dio per manifestarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: