Berlusconidi cascami

Per chi ha stomaco e ha voglia di ripercorrere alcuni conati della Botte in questi ultimi anni (in verità declinanti) di berlusconismo, ho pensato di raccogliere i post espressamente dedicati a quella che definirei una normale anomalia italiana. Dovremmo ormai essere in procinto di liberarci di questo orribile politicante da strapazzo – il peggiore da decenni – che ha inoculato nella società italiana il peggio di quel che però in essa già c’era e covava da sempre, dispostissima pertanto a farsi plasmare a sua immagine e somiglianza. Che è come dire che Berlusconi e la società italiana (per lo meno buona parte di essa) sono stati speculari. Come molti sanno e dicono da tempo, di Berlusconi ci possiamo anche liberare in fretta, del berlusconismo no. Anni e anni di dura disintossicazione antropologico-culturale. Tanto più che la sua caduta appare come un’autoconsunzione, molto più di quanto non sia generata dall’opposizione politica, sociale e culturale della cosiddetta parte “sana” del paese. E di fatti, il potere politico passa dalle mani del faccendiere-imprenditore, a quelle dei faccendieri della finanza internazionale. In attesa che un’intera stagione della politica si riapra, sorgendo dalle ceneri di questi tre decenni – se ai due berlusconiani sommiamo quello craxiano che ha preparato i successivi. Trent’anni da dimenticare.

http://natzinger.berluska.sakramenti.web – 6 giugno 2008

La fantasia al potere – 12 marzo 2009

Psicosofista – 16 settembre 2009

Deriva patologica – 14 dicembre 2009

L’omino di burro – 18 marzo 2010

La durevole dittatura della merda – 11 maggio 2010

Berluskocrate – 22 gennaio 2011

Retropensieri – 31 marzo 2011

Berluskossimori – 18 aprile 2011

Le pudenda del re e gli umori elettorali – 24 maggio 2011

Annunci

Tag: ,

8 Risposte to “Berlusconidi cascami”

  1. wilmo e franco boraso Says:

    Niente da aggiungere; giudizio assolutamente condivisibile.

  2. Carlo Says:

    @Md
    Direi che Il berlusconismo rappresenta l’autobiografia della nazione, citando Gobetti.
    Come uscirne? Un antidoto efficace: spalmare cultura, rendere obbligatorio lo studio della filosofia nelle scuole di ogni ordine e grado. Non la cultura filosofica come storia, ma come “pratica” applicata al “vocabolario” quotidiano.
    Evento epocale ineludibile, se vogliamo dare dignità alla parola “uomo”.
    Buona giornata.

  3. xavier Says:

    Il ritornello di una vecchia canzone, a suo modo profetica, recitava: “…e l’Italia giocava alle carte, e parlava di calcio nei bar”, mentre pochi altri ne organizzavano il futuro senza, in apparenza, colpo ferire. E invece fu l’inizio di un’altra miserabile italica storia, di cui la momentanea messa fuori gioco del mercante di televisioni non é che una fase, nient’altro che un passaggio di consegne. La proposta di Carlo mi pare nobile, ma paradossale in un paese che ha scelto l’analfabetismo come orgoglioso biglietto da visita.

  4. Carlo Says:

    @Xavier
    Solo il paradosso, “affermazione, opinione, tesi che, nonostante sia in contrasto con l’esperienza comune, si dimostra di fatto fondata”, potrà salvarci !!
    L’analfabetismo è un’altra autobiografia della nazione. Torniamo sui banchi di scuola, Torniamo alle origini, alla pedagogia se non vogliamo che l’Italia imploda. Spegniamo la Tv (commerciale, spazzatura) e accendiamo i cervelli.
    No ai postulati (propaganda), si alle “faticose” argomentalioni, che fondano il pensiero, orientandolo su progetti sostenibili.

  5. xavier Says:

    … condivido la cura, ma temo che i pazienti nel frattempo siano divenuti terminali e, sopprattutto, si siano affezionati alla malattia. La vedo bruttina, e non certio solo dal lato finanziario. L’italiuccia é quel che é: non ha mai imparato le lezioni della sua storia che, com’é noto,, da noi insegna sempre dentro aule vuote.

  6. Pier_Brezhoneg Says:

    per quanto riguarda il berlusconismo può essere veramente dura sconfiggerlo in quanto il “Bubbone” era in metastasi……
    condivido il desiderio di indottrinamento di Carlo , di sconfiggere l’ analfabetismo culturale che imperversa . La Tv che poteva essere un sapiente strumento di diffusione culturale annovera tra i suoi programmi “degni” un numero compreso nelle dita di una mano; il resto è programmazione orripillante e a volte nauseabonda ai limiti dell’incredibile. Calcio e ancora calcio , interesse primario degli italiani, trasmissioni di reality, di gossip , giochi , di cucina ora di moda…
    Le trasmissioni di spessore non fanno ascolti e perciò o non vanno in onda o vengono ritirate poco dopo …
    Questo è lo specchio anche degli italiani : le trasmissioni di spessore rappresentano i libri e gli svaghi culturali degli italiani mentre tutte le altre programmazioni delineano gli altri interessi …
    condivido anche xavier sulla possibilità di riscatto almeno nel breve periodo : “in un paese che ha scelto l’analfabetismo come orgoglioso biglietto da visita.”
    … c’è rimedio ? me lo auguro ; nel frattempo “felice di essere diverso”…..

  7. Fabio Says:

    Venti anni da dimenticare.

  8. las artes Says:

    Chi ha dato fiducia a Berlusconi in questi anni lo ha fatto non solo perché teleguidato (come molti a sinistra amano pensare) ma perché politicamente Berlusconi rispondeva a esigenze che erano presenti nella società italiana, istanze che molti non pensavano potessero essere portate avanti da un centrosinistra erede delle due tradizioni egemoni nel nostro dopoguerra, quella comunista e quella democristiana. Che poi in quella coalizione di centrodestra le istanze laiche e liberali fossero fin dal ’94 in grande minoranza è un altro discorso di cui magari ci occuperemo in futuro. Tuttavia questa Italia forse conservatrice, forse liberale, sicuramente moderata (qualunque cosa questo voglia dire) ha creduto che si potessero chiudere gli occhi sugli aspetti più deteriori di questi anni di centrodestra (ad esempio, le leggi ad personam) perché prima o poi la svolta sarebbe arrivata e le tante agognate riforme si sarebbero fatte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: