Lo sforza-riduzionismo

“Uno scienziato può credere in Dio?
Ce ne sono parecchi che credono, io no. Penso che in questo caso credere sia un cedimento a un insegnamento privo di fondamento e come tale una forma di debolezza o di superstizione.
Ma ammetterà che l’uomo non è riducibile ai valori della scienza.
Penso che i soli discorsi che val la pena affrontare sono quelli scientifici, gli altri sono privi di consistenza.”

La prima mi sta benissimo, la seconda per nulla.
Ma fa niente, punti di vista: gli auguri di buon compleanno al nonno-scienziato e genetista Luigi Luca Cavalli-Sforza, che oggi compie 90 anni, si possono fare lo stesso.

(l’intervista da cui sono tratte le due battute qui sopra è comparsa oggi sul quotidiano La Repubblica, a cura di Antonio Gnoli)

Autore: md

Laureatosi in Filosofia all’Università Statale di Milano con la tesi "Il selvaggio, il tempo, la storia: antropologia e politica nell’opera di Jean-Jacques Rousseau" (relatore prof. Renato Pettoello; correlatore prof. Luciano Parinetto), svolge successivamente attività di divulgazione e alfabetizzazione filosofica, organizzando corsi, seminari, incontri pubblici. Nel 1999, insieme a Francesco Muraro, Nicoletta Poidimani e Luciano Parinetto, per le edizioni Punto Rosso pubblica il saggio "Corpi in divenire". Nel 2005 contribuisce alla nascita dell’Associazione Filosofica Noesis. Partecipa quindi a un progetto di “filosofia con i bambini” presso la scuola elementare Manzoni di Rescalda, esperimento tuttora in corso. E’ bibliotecario della Biblioteca comunale di Rescaldina.

6 pensieri riguardo “Lo sforza-riduzionismo”

  1. La seconda non è nemmeno grammaticalmente corretta, per cui va da sé che almeno la grammatica varrebbe la pena di essere affrontata …

    Però ascolta, Md: ho un problema di fede: mi sono accorta di non riescire più a credere a chi crede.
    Pensi sia grave?

  2. Se è per questo neanche il tuo commento è sintatticamente corretto, cara roz, oltre che ortograficamente; ad ogni modo credo che la polemica, su questo tema, non possa risultare che sterile, da ambo le parti.

  3. Salve.

    La risposta alla domanda se uno scienziato può (o no) credere in Dio è tutt’altro che semplice. Innanzitutto andrebbe risolta la questione di che cosa effettivamente sia la risposta che la scienza fornisce nell’analisi di un fenomeno. Se pensiamo che la scienza fornisca il “perché” delle cose allora per logica (appoggiandoci anche al sempre utile rasoio di Ockham) non si può (o non si deve) credere in Dio. Se al contrario affermiamo che la scienza ci fornisce soltanto dei modelli (e quindi il “come”) allora la cosa è diversa. Dobbiamo pensare “non ho idea di perché l’evento avvenga” e questo ci mette ancora di fronte a un bivio: il Caso o un Ente Superiore. Se ci pensiamo bene il Caso può tutto, è imperscrutabile per costruzione, è onnipresente e onnipotente. Allo stesso modo anche Dio. Credo che sia semplice sostituire la parola Caso con Dio e l’effetto è lo stesso. Nulla cambierebbe di una virgola. Perciò alla fine credo si possa dire le seguenti cose:

    1) Credere in Dio o no è una scelta della persona del tutto indipendente dalla formazione della stessa.

    2) Qualunque soluzione si scelga, in questo modo siamo capaci di tacitare la nostra ignoranza (nel senso di abissale mancanza di conoscenza) che non saremo mai disposti ad ammettere.

    A presto.

  4. “…non potendo esplorare, per sua natura intrinseca, neppure la totalità del mondo materiale, la scienza deve mantenere un’assoluta neutralità nei confronti della fede, della religione e, soprattutto, del mistero di Dio”.
    Per molti scienziati tale affermazione non rappresenta affatto motivo di scandalo: Godel, Cantor, Wolfgang Ernst Pauli, Ilya Prigogine, Francisco Varela, James Lovelock, Paul Davies, Lee Smoolin, Vittorio Gallese. Bateson George,.., e naturamente Platone il quale scoprì per primo le particelle eterne e perfette (mi permetto di consigliare a Sforza Cavalli di leggersi il TImeo di Platone e confrontarlo con i conetti di Heisenberg scaturiti dallo studio della fisica quantistica: il Timeo ha provocato una sostanziale influenza sia sul critianesimo sia sulla scienza moderna.
    saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...