“Nella filosofia ho camminato così, per strade non dritte”

1394110788_8441

Un filosofo di cui non so nulla (tranne del suo sodalizio con Battiato) e di cui non ho mai letto nulla (tranne i testi delle canzoni tra cui, bellissima, svetta La cura). Ed è proprio il nulla – lo sfacelo, la disgregazione emotiva postbellica, la destructio e le rovine di cui parla nella frase che riporto qui sotto, tratta dalla sua ultima intervista – che magari, prima o poi, mi farà incrociare qualche suo scritto. Non lo andrò a cercare, diciamo che dovrà capitare – anch’io, come lui, “devoto al caso” –  e a quel punto, come sempre, non mi sottrarrò…

«Erano loro [Croce e Gentile] che occupavano tutto lo spazio culturale, ma io non mi ritrovavo affatto in quei sistemi complessi e completi, dove ogni cosa era già stata incasellata. Per me pensare era una destructio piuttosto che una constructio: ero uno che notava le rovine, piuttosto che la bellezza. Questo era un po’ scomodo, e non certamente accademico…»

Advertisements

Tag: , ,

Una Risposta to ““Nella filosofia ho camminato così, per strade non dritte””

  1. RobySan Says:

    Nessuno cammina per strade dritte. Ma chi vuol essere nessuno?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: