Amletismi – 19

GramignaE se fosse proprio lei, la filosofia, ad alimentare le passioni tristi? Non bisognerebbe allora estirparla come gramigna dal giardino della vita?

Annunci

Tag: , ,

13 Risposte to “Amletismi – 19”

  1. filosofiazzero Says:

    “il girdino della vita” (SIC!!!)

  2. filosofiazzero Says:

    …”giardino” (SIC!!!)

  3. Carla Says:

    ma cosa dici?
    la filosofia ci permette di colloquiare con la natura!
    ciò che alimenta le passioni tristi dipende da ciò che alimenta inl nostro cuore, dipende dalle emozionii anche negative che possono intaccarlo…

    ciao Mario, a presto

  4. md Says:

    Carla, temo che una linea consistente della tradizione filosofica piú che colloquiare abbia sproloquiato sulla natura – oltre a brutalizzarla.
    Naturalmente vi è dell’altro, ma se fosse dimostrabile con certezza l’assunto non esiterei un momento a gettare tutti i filosofi tristi dalla finestra. Chissá quanti poi ne rimarrebbero?

  5. filosofiazzero Says:

    …appunto!

  6. Carla Says:

    ogni gesto estremo è pericoloso quasi quanto un’ideologia assoluta.
    un buon filosofo lo sa.
    pertanto io penso ai filosofi come: *intramontabili ingegneri del pensiero*.

  7. Carla Bariffi Says:

    lo vedi, neanche mi rispondi…a cosa serve intrattenere una discussione se poi disperdi il tuo pensiero?
    meglio esser tristi, allora, alla maniera di Leopardi
    filosofo di tutti i tempi, e non aspettarsi nessuna risposta.

  8. md Says:

    I filosofi tacciono quando non hanno nulla da dire, come del resto dovrebbero fare più spesso gli umani.

  9. Carla Bariffi Says:

    (allora noi siamo troppo umani!;-))

  10. md Says:

    Ad ogni modo – cara Carla – per la mia concezione delle cose “disperdere il pensiero” è un atto filosofico fondamentale. Quando cammino non faccio altro che far svagare e disperdere i pensieri, per poi tentare di raccoglierli. Ma la camminata successiva sarà una nuova dispersione. Ritengo questa una vera e propria tecnica euristica del pensiero.

    (questo l’ho detto non tanto perché avevo “qualcosa” da dire, ma perché era uno dei tanti pensieri “dispersi” della camminata di stamattina)

  11. Carla Says:

    hai ragione…in fondo il compito più difficile è raccogliere la parte più preziosa tra le miriadi di particelle volatili del pensiero, spogliarla del suo guscio protettivo come fosse un chicco di riso ed esporla alla luce …e masticarla!
    non vedo l’ora di fare anche io le belle camminate in montagna tra luce e ombra dei boschi, col mio taccuino in mano per non permettere alle buone idee e ai buoni pensieri di sfuggire…:-)

  12. filosofiazzero Says:

    …ammettendo che venissero, le buone ideee, i buoni pensieri etc.!

  13. filosofiazzero Says:

    …o non solo idee comuni, pensieri comuni (e pertanto anche meglio che sfuggissero) e nient’altro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: