Delizia di piante verdeggianti

19

È probabile che abbia scritto e riscritto questo passo di Spinoza più di una volta. Però non l’ho ancora fatto nella versione di Mignini. E dunque riecco l’apologia del godimento, gioia e ri-creazione del corpo, umanità non ridotta a una sola dimensione secondo il sobrio ma vitalissimo Baruch:
«È proprio dunque dell’uomo sapiente servirsi delle cose e, per quanto è possibile, goderne (non certo fino alla nausea, perché questo non è prender diletto). È proprio dell’uomo sapiente, dico, ristorarsi e ricrearsi con cibi e bevande moderate e piacevoli, con profumi, con la delizia di piante verdeggianti, con gli ornamenti, con la musica, con gli esercizi ginnici, con gli spettacoli teatrali e con altre cose simili, delle quali ciascuno può fruire senza nessun danno altrui. Il corpo umano è infatti composto da moltissime parti di diversa natura che hanno continuo bisogno di nuovo e diverso alimento, affinché tutto il corpo sia ugualmente pronto a ciò che può seguire dalla sua natura e, quindi, anche la mente sia altrettanto atta a intendere più cose insieme».

Tag: , ,

Una Risposta to “Delizia di piante verdeggianti”

  1. Arnaldo Colombo Says:

    Sintesi: mens sana in corpore sano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: