Archive for 5 maggio 2018

#200Marx – Ein Gespenst

sabato 5 maggio 2018

Uno spettro si aggira per l’Europa – lo spettro del comunismo [Ein Gespenst geht um in Europa – das Gespenst des Kommunismus]

Il 5 maggio del 1818 – esattamente 200 anni fa – nasceva Karl Marx.
Ricordo che nel 1983, quando si celebrò il primo anniversario della morte, avevo poco più di vent’anni e ancora in molti speravamo nell’avvento della rivoluzione comunista – una rivoluzione vera però, non come quelle deludenti del passato. Ora il comunismo – e pure il marxismo – sono ridiventati quantomai spettrali, anche se in senso diverso da quello annunciato dal Manifesto.
Con questo post pilota, inauguro un piccolo appuntamento che nelle prossime settimane proporrà alcuni passi delle opere di Marx, dagli scritti giovanili a quelli più maturi, seguendo una ripartizione tematica attorno a sette concetti-chiave: filosofia, religione, borghesia, lavoro alienato, capitale, rivoluzione, comunismo.
Non certo con l’intenzione di fare un bilancio – ben altro spazio e tempra occorrerebbero.
Ma se solo a qualcuno venisse voglia di rileggere un suo testo, o di ripensare una sua tesi, o di misurare l’acutezza (e spesso la lungimiranza) delle sue analisi col tempo presente – ecco, avrei ampiamente raggiunto lo scopo. Ugualmente lo avrei raggiunto se i detrattori detraessero a ragion veduta – cioè, solo dopo aver conosciuto l’oggetto della detrazione. Perché l’anima del pensiero marxiano è la critica, e non c’è critica senza conoscenza.
Ma critica e conoscenza sarebbero state poca cosa, senza il fuoco che divorava Marx, una smisurata passione per il genere umano e per i suoi futuri progressi, materiali e spirituali. Probabilmente mal riposta, ma che soffia ancora forte nelle menti libere e insofferenti delle ingiustizie

Annunci