#100Dante 11-20

Gustave_Doré_-_The_Inferno,_Canto_13.jpg

#100Dante 11.
“O sol che sani ogni vista turbata,
tu mi contenti sì quando tu solvi,
che, non men che saver, dubbiar m’aggrata”.
(Inf. XI, 91-3)
Dante a Virgilio, che lo sta istruendo sull’ordinamento dell’Inferno e su alcune questioni filosofiche, in un canto piano e di passaggio, senza picchi. Ma quel “dubbiar m’aggrata” è notevole: non c’è piacere di conoscere senza dubitare.

#100Dante 12.
Ed in etterno munge
le lagrime, che col bollor diserra.
(Inf. XII, 135-6)
Versi terribili. Siamo nel Flegetonte, il fiume dove i tiranni pagano la loro violenza sanguinaria con l’essere a loro volta bolliti nel sangue, che spreme eterne lacrime.

#100Dante 13.
Come d’un stizzo verde ch’arso sia
dall’un de’ capi, che dall’altro geme
e cigola per vento che va via,
sì della scheggia rotta usciva inseme
parole e sangue.
(Inf. XIII, 40-4)
È il canto dei suicidi, uno dei più oscuri e orrorifici. I dannati son fatti piante, sterpi, tronchi – congelati per sempre nel gesto violento contro se stessi. Ma Pier della Vigna urla la sua verità.

#100Dante 14.
“O Capaneo, in ciò che non s’ammorza
la tua superbia, se’ tu più punito:
nullo martiro, fuor che la tua rabbia,
sarebbe al tuo furor dolor compito”.
(Inf. XIV, 63-6).
Son già le passioni tristi ad esser pena che macera le anime, cui s’aggiunge – ma solo esternamente – la pena fisica: qui la pioggia di fuoco sui violenti contro Dio e la natura.

#100Dante 15.
“Sìeti raccomandato il mio Tesoro
nel qual io vivo ancora, e più non cheggio”.
(Inf. XV, 119-20)
Dante mette all’inferno per sodomia il suo maestro Brunetto Latini, cui concede almeno la gloria letteraria dell’opera più celebre, il Tresor. Ma è solo gloria riflessa.

#100Dante 16.
“La gente nova e’ subiti guadagni
orgoglio e dismisura han generata,
Fiorenza, in te, sì che già tu ten piagni”
(Inf. XVI, 73-5)
C’è un’intera collezione di invettive contro la Firenze corrotta – questa non è delle più feroci, ma punta il dito contro gli arricchiti che col loro arrivismo distruggono le virtù della città. Vale sempre.

#100Dante 17.
“Ecco la fiera con la coda aguzza,
che passa i monti, e rompe i muri e l’armi;
ecco colei che tutto ‘l mondo appuzza”.
(Inf. XVII, 1-3)
Il mostro Gerione simbolizza la frode, l’inganno – ovvero tutti i peccati dell’ottavo e del nono cerchio – Malebolge e Cocito. E Dante sarà costretto a cavalcarlo per proseguire nel suo viaggio verso l’abisso.

#100Dante 18.
Quindi sentimmo gente che si nicchia
nell’altra bolgia e che col muso scuffa,
e sé medesma con le palme picchia.
Le ripe eran grommate d’una muffa,
per l’alito di giù che vi s’appasta,
che con li occhi e col naso facea zuffa”
(Inf. XVIII, 103-8)
Adulare è abbassarsi e degradarsi fino a tramutarsi in merda – quel che si sente aleggiare forte in questi versi, tra i più materiali (e riusciti) della Commedia.

#100Dante 19.
O Simon Mago, o miseri seguaci
che le cose di Dio, che di bontate
deon esser spose, voi rapaci
per oro e per argento avolterate;
or convien che per voi suoni la tromba,
però che nella terza bolgia state.
(Inf. XIX, 1-6)
È l’incipit del canto contro i simoniaci e, più in generale, contro i papi e la degenerazione temporale della Chiesa. Dante è protestante ante litteram.

#100Dante 20.
Com’io potea tener lo viso asciutto
quando la nostra imagine di presso
vidi sì torta, che ‘l pianto delli occhi
le natiche bagnava per lo fesso.
(Inf. XX, 21-4)
Dante piange vedendo i dannati che, piangendo, versano lacrime sul culo anziché sul petto, poiché camminano all’indietro con la testa rovesciata. Sono i maghi e gli indovini – e Virgilio duro e impietoso sferza sia lui che loro. Sette secoli dopo, la credulità e l’impostura impazzano.

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: