Il rovello della filosofia

Ho ripreso qualche mattina fa, a distanza di 4 anni anni dall’ultimo, uno dei miei tentativi di filosofia coi bambini.
Tempo fa avevo confessato ad una mia cara amica (e a me stesso) di non voler più fare quell’esperienza, per diversi motivi (non ultima una certa stanchezza esistenziale), ma soprattutto per una ragione che non so dire se sia filosoficamente fondata: contribuire ad aumentare la coscienza aumenta anche l’umana potenza distruttiva; non solo: perché pungolare così presto dei bambini di soli 10-11 anni coi rovelli della filosofia, con le domande, con i dubbi, e dunque con una potenziale sorgente di infelicità?
So anche, però, che siamo in trappola, dato che dalla coscienza non si esce e che l’unico modo per porre rimedio ai disastri dell’antropocene e dell’antropocentrismo è comunque la coscienza: una coscienza più accorta e discreta, a basso tasso di narcisismo (ma è pensabile una coscienza umana che non sia narcisista?) – insomma, una coscienza supercosciente, un’autocoscienza responsabile che però non so ancora bene che forma dovrebbe avere e con quali prospettive. Una strada che saranno proprio quei bambini decenni già così incasinati a dover cercare, trovare, percorrere.

Così la notte prima di tenere i primi due incontri nelle due quinte, ho dormito poco e male. Ero insieme curioso, eccitato e spaventato: curioso di vedere se il filo della philìa c’era ancora, spaventato dalla possibilità di trovare degli alieni di cui non avrei capito nulla.
Ahmad – tra gli altri – ha dissolto tutte le mie incertezze. Alla domanda “perché esistiamo?” ha risposto con un ragionamento in due mosse: 1) altrimenti nessuno avrebbe potuto conoscere l’universo; 2) e poi sarebbe stato uno spreco di bellezza. Certo, c’è qui in tutta la sua limpida immediatezza il pregiudizio antropocentrico (che inevitabilmente alligna in ogni mente umana fin dalla nascita), però è da lì che dobbiamo sempre ripartire per qualunque possibile critica o trasformazione.
E comunque quando ho sentito le parole di quel bambino pakistano catapultato in Europa, volevo fuggire dalla classe per nascondere la meraviglia e la commozione.
Quelli come Ahmad sono dinamite pura! Ed è per quelli come lui che ancora non dispero.

Annunci

Tag: , , ,

Una Risposta to “Il rovello della filosofia”

  1. isidoromartinelli Says:

    Bravo, è una iniziativa lodevole che andrebbe, come spero, pienamente sostenuta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: