Ciò che deve accadere

Ritorna la guerra – ma in realtà non se n’era mai andata dalla scena. Scoppia apparentemente all’improvviso, ma è dalla struttura profonda, dall’intelaiatura delle nostre società e relazioni, dai nostri sistemi produttivi e di consumo, dal nostro rapporto con la natura, dal sistema violento e ingiusto della proprietà, dalla disuguaglianza crescente, dalla mancanza di conflitto sociale, dall’acquiescenza, dalla docilità e dall’autoaddomesticamento – che la realtà della guerra, con tutta la sua potenza distruttiva, riemerge in superficie. Ma il sottosuolo è sempre stato quello, la mentalità e il linguaggio non sono mai cambiati – come anche questi due anni di metafore pandemico-belliche ci hanno ricordato. Negli ultimi 20 anni la spesa militare nel mondo è raddoppiata: bastava guardare sotto la superficie, e le strutture profonde del militarismo si sarebbero rivelate, del tutto intoccate nonostante la retorica del nuovo millennio. Che invece si annuncia come il protrarsi di un antico ciclo storico: epidemie, guerre, carestie, migrazioni.

A tutto questo il pacifismo moralista non ha mai saputo opporre alcuna forma di critica radicale o di resistenza. Se non viene messo in discussione alla radice l’assetto ingiusto e avido e distruttivo delle società contemporanee (tutte dominate dal demone capitalista, poco importa se diretto dallo stato o dal mercato), la guerra e la violenza avranno sempre l’ultima parola. E all’inerme di Goya non resterà che continuare ad allargare le braccia, limitarsi a sentire tutt’attorno e sulla pelle i tristi presentimenti di ciò che deve accadere e sperare che le bombe cadano un po’ più in là.

Autore: md

Laureatosi in Filosofia all’Università Statale di Milano con la tesi "Il selvaggio, il tempo, la storia: antropologia e politica nell’opera di Jean-Jacques Rousseau" (relatore prof. Renato Pettoello; correlatore prof. Luciano Parinetto), svolge successivamente attività di divulgazione e alfabetizzazione filosofica, organizzando corsi, seminari, incontri pubblici. Nel 1999, insieme a Francesco Muraro, Nicoletta Poidimani e Luciano Parinetto, per le edizioni Punto Rosso pubblica il saggio "Corpi in divenire". Nel 2005 contribuisce alla nascita dell’Associazione Filosofica Noesis. Partecipa quindi a un progetto di “filosofia con i bambini” presso la scuola elementare Manzoni di Rescalda, esperimento tuttora in corso. E’ bibliotecario della Biblioteca comunale di Rescaldina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: