Spettri

Aleggiano parecchi spettri in questa guerra (chissà che cosa ne avrebbe detto Marx), soprattutto spettri fuoriusciti dalla sentina temporale della seconda guerra mondiale, che certo richiamano spettri più antichi: la guerra e uno dei suoi portati più atroci – il nazionalismo – covano sempre sotto le ceneri del passato.
Uno di questi spettri è Kaliningrad, la Königsberg di Kant, maggior città della Prussia Orientale, entrata nel gioco spartitorio delle potenze vincenti, tra Yalta e Potsdam, quando Stalin avrebbe voluto “spezzettare” la Germania. Cui restituì nella fattispecie le intenzioni hitleriane più terrificanti, ovvero quelle di fare dell’Est il Lebensraum spazzando via o schiavizzando le inferiori razze slave. Più prosaicamente Stalin cacciò tutti i tedeschi di quell’area e la russificò con deportazioni interne – come usava fare in Unione Sovietica – creando così la “oblast” di Kaliningrad. Diventata una exclave con la dissoluzione dell’URSS, di straordinaria rilevanza strategica, visto l’incrocio con le frontiere lituane e polacche, e l’affaccio sul Mar Baltico (ho scoperto che è una delle zone dove la flotta russa può sostare sempre, visto che non gela).
Spettri, si diceva: qui gli spettri – nella mentalità nazionalistica russa, che si contrappone ad altre mentalità nazionalistiche – sono i 20milioni di morti della seconda guerra mondiale (contro le poche centinaia di migliaia di Inghilterra e USA, gli altri vincitori e co-spartitori delle zone di influenza).
Si dirà che non erano solo russi, ma sovietici, si dirà che il sovietismo è morto e sepolto (figuriamoci il comunismo), si dirà che son passati quasi 80 anni, che la guerra fredda era finita 30 anni fa… Eppure siamo ancora qui, in presenza di tutti questi spettri, e persino con la Finlandia e i suoi generali che vorrebbero regolare dei conti in sospeso…

Autore: md

Laureatosi in Filosofia all’Università Statale di Milano con la tesi "Il selvaggio, il tempo, la storia: antropologia e politica nell’opera di Jean-Jacques Rousseau" (relatore prof. Renato Pettoello; correlatore prof. Luciano Parinetto), svolge successivamente attività di divulgazione e alfabetizzazione filosofica, organizzando corsi, seminari, incontri pubblici. Nel 1999, insieme a Francesco Muraro, Nicoletta Poidimani e Luciano Parinetto, per le edizioni Punto Rosso pubblica il saggio "Corpi in divenire". Nel 2005 contribuisce alla nascita dell’Associazione Filosofica Noesis. Partecipa quindi a un progetto di “filosofia con i bambini” presso la scuola elementare Manzoni di Rescalda, esperimento tuttora in corso. E’ bibliotecario della Biblioteca comunale di Rescaldina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: