Posts Tagged ‘alimentazione’

McBulimia

sabato 26 maggio 2012

Travelsoft è un gruppo di adolescenti creativi che scrive, produce ed interpreta video ironici e parodistici, reperibili sul canale di youtube, e che ho avuto il piacere di ospitare tempo fa nella mia biblioteca. In quell’occasione avevo chiesto loro se nel produrre il video qui sopra, si fossero per caso posti in un’ottica critica – tipo: società dei consumi, cultura del McDonald, spreco, cannibalismo o simili. La loro risposta è stata un candido “mah!, veramente non ci avevamo pensato”.
Ora, io non voglio attribuire significati reconditi, costruiti a priori o surrettizi a tutti i costi. E neppure eccedere in psicologismi o determinismi dell’inconscio. Però non posso nemmeno credere che questo video caustico e beffardo, pur in tutta la sua selvaggia e adolescenziale spontaneità, sia solo frutto del caso o di un pomeriggio di noia. Trovo anzi che sia politicissimo ed eticissimo, e che i suoi autori si debbano rassegnare a tale evidenza.
Benvenuti dunque nel mondo della videoresponsabilità!

Annunci

Pianeta Vegan

sabato 4 aprile 2009

bufalino

Che cosa si prova ad essere un pipistrello? – si chiedeva Thomas Nagel. Il neuroscienziato vegano Massimo Filippi ci invita ad estendere l’esperimento, chiedendoci di immaginare che cosa proveremmo al posto delle galline ovaiole, dei maiali e dei vitelli da carne bianca costretti all’immobilità; dei pulcini maschi stritolati vivi appena nati perché inservibili per la produzione di uova; degli uccelli accecati e dei pesci asfissiati nelle vasche di coltura, delle mucche da latte eternamente ingravidate e private della prole – di quell’esercito sterminato, cioè, di animali – forse 50 miliardi all’anno – che vengono schiavizzati e sterminati per finire sulle nostre tavole (un numero peraltro approssimativo, dato che quel che si conta è spesso il tonnellaggio – ma che importa contare, visto che “si conta quando quello che viene contato non conta più”?).
Filosofare significa allargare lo sguardo a tutti gli enti, mettersi al posto di, andare a vedere cosa c’è dietro o sotto; filosofare significa costruire un’etica delle relazioni con gli enti, eticizzare l’ontologia, ontologizzare l’etica; filosofare presuppone sempre il partire da sé. La questione animale credo sia un cruciale campo di prova di tutto ciò. Anche perché nutrirsi non può più essere considerato un atto extramorale – e quel che noi consumiamo a livello alimentare è una corposissima metafora del nostro modo di intendere e di consumare l’essere, gli enti, le cose. Della nostra inguaribile bulimia e ipertrofia. Del nostro essere fondamentalmente cancerogeni nei confronti del pianeta.
Un ottimo scritto introduttivo a questi temi, del succitato Filippi, lo troviamo nel numero 12 di Diogene – Filosofare oggi; è possibile leggerlo sul sito della rivista, o anche qui:

le-ragioni-dei-vegani