Posts Tagged ‘conatus’

Conatus corretto

martedì 1 marzo 2016

Caffè_corretto.jpg

(amarcord, giusto per sdrammatizzare ed alleggerire lo spirito)

Ai tempi dell’università, verso la metà degli anni ’80 del secolo scorso, io e un gruppo di amici iscritti alla facoltà di Lettere e filosofia dell’Università Statale di Milano, passammo per un certo periodo gran parte del nostro tempo accademico al bar. Era un’ampia sala sotterranea, dove di solito ci incontravamo al pomeriggio e discutevamo dei massimi sistemi, come ci si aspetterebbe da giovani studenti universitari di una facoltà umanistica. Politica, situazione internazionale, letteratura, arte, società – nulla sfuggiva alle nostre accese discussioni. Ore e ore per prendere un caffè. Alcuni di noi non erano iscritti a Filosofia, ma a Lettere (in genere con velleità poetiche o giornalistiche, più raramente l’insegnamento), ma tutti ci preparavamo di lì a poco, senza essercelo detto, a migrare alla facoltà di Filosofia (che forse era solo un dipartimento, ora non ricordo bene). Io avrei voluto fare Storia, ma ancora non c’era un corso specialistico in tal senso. Tuttavia, credo che le discussioni in quel bar – insieme ad alcuni determinanti incontri di quegli anni – mi abbiano molto condizionato nello scegliere i miei successivi percorsi di studio. Lavoravo al mattino, perdevo tempo di pomeriggio, di sera uscivo con quegli stessi compagni di università, e mi toccava studiare di notte o nel fine settimana, se volevo combinare qualcosa e dare quei 2 o 3 esami all’anno che avrebbero giustificato la mia permanenza nell’Ateneo.
(more…)

Annunci

Catalogo delle passioni: omeostatica serenità

venerdì 16 luglio 2010

Spinoza definisce la serenità, nella terza parte dell’Etica, “Letizia accompagnata dall’idea di una causa interiore“. E’ una definizione secca ed essenziale, e insieme molto precisa. C’è però da affrontare preliminarmente un problema linguistico e di traduzione, poiché il termine latino utilizzato è in realtà acquiescentia e non serenitas, reso meglio con “soddisfazione dell’animo” (ho controllato tre edizioni, e solo una, quella di Remo Cantoni, traduce “serenità”). Ma a parte questa faccenda piuttosto tecnica, l’affetto di cui stiamo parlando sparisce dalle “Definizioni” in coda alla terza parte dell’Etica, per riapparire nella quarta parte come Acquiescentia in se ipso (tradotta questa volta da Cantoni con autocompiacimento, con una variazione di tipo “contestuale”)  e alla fine della quinta parte, dove diventa l’attributo specifico del saggio, il quale libero dai turbamenti dell’animo, “sed semper vera animi acquiescentia potitur” – possiede sempre la vera soddisfazione (o serenità o autocompiacimento) dell’animo.
La ricomparsa a conclusione dell’Etica di questa strana “tonalità emotiva”, ci fa pensare che si tratti di uno stato mentale, interiore, “intellettuale” (secondo la definizione spinoziana di intelletto), più che di un vero e proprio affetto o passione. Del resto il termine latino acquiescentia – e il verbo acquiesco su cui è costruito – allude al “trovar quiete e riposo” (anche nella morte), allo “stare al sicuro” e al trarre conforto, compiacimento e soddisfazione. E’ uno stato di quiete, di fermezza, di beata immobilità, più che di desiderio o trasporto verso qualcosa. Non dimentichiamo quel raffinato riferimento di Spinoza alla “causa interiore”, per distinguere l’acquiescentia dalle pulsioni come l’odio e l’amore, che non potrebbero nemmeno sussistere senza un oggetto esterno.

(more…)

Lezione spinozista 7 – Sintesi delle precedenti, prima dell’ultima

giovedì 8 aprile 2010

Prima di concludere con il tema finale dell’Etica – e cioè la conoscenza nella sua forma più “alta” o “estesa”, il punto di accesso all’Etica stessa, la fine che è anche circolarmente l’inizio – vorrei brevemente richiamare il cammino fatto fin qui. Non è questa una sintesi dell’Etica (me ne guarderei bene, anche perché si tratta di un’opera immensa non sintetizzabile), ma solo un elenco degli snodi teorici emersi durante un primo studio (spero proficuo) del testo, alla luce delle questioni sensibili della nostra epoca, e, forse, di ogni epoca: la natura umana, la totalità, le passioni, la conoscenza, la relazione tra interno ed esterno, ecc.
(La numerazione ripercorre l’ordine delle “lezioni”, accessibili cliccando su ciascun numero in grassetto, ma non la partizione dell’Etica – suddivisa in cinque parti, di cui ho finora commentato le prime quattro).

1. L’ontologia naturale
Spinoza non ha una posizione a rigore panteistica, quanto piuttosto naturalistica o materialistica: Dio, che è causa immanente, non è una forza interna alla natura, ma è la medesima unità e totalità della natura. Sub-stantia non è solo ciò che sostiene tutto, il fondamento (hypòkeimeinon), ma il tutto stesso, l’essere nella sua interezza, ciò che i Greci chiamavano physis.
La sostanza, dice Spinoza, è l’individuo generale che riconnette tutti gli individui particolari – un corpo infinito fatto di infiniti corpi (duplice accezione del concetto di infinito, qualitativa e quantitativa). Un corpo immutabile ed eterno che racchiude in sé ogni possibile mutevolezza: “tutta la natura è un unico Individuo, le cui parti, cioè tutti i corpi, variano in infiniti modi senza alcun mutamento dell’Individuo nella sua totalità” (Et., II, Sc. Prop. XIII).
Il punto di vista della/sulla sostanza (che verrà mostrato solo al termine, attraverso la terza forma di conoscenza) è contraddistinto (o circoscritto) dai concetti di: necessità, determinismo, causalità, realtà, perfezione, eternità.

(more…)

Lezione spinozista 3 – Il concetto di “conatus”

giovedì 7 maggio 2009

boccioni

C’era un mio compagno di università che un giorno, al bar della Statale, se ne era uscito con questa faccenda del conatus. Era un tipo che mostrava sempre di saperla lunga e di aver letto tutto. Lo arrovellava in particolare il concetto spinoziano di conatus, e diceva che aveva a che fare con il potere e le sue determinazioni. Sembrava dovesse passare i successivi dieci anni della sua vita – e forse aveva passato i dieci precedenti – a meditare sul conatus… Il conatus suonava sulle sue labbra umide e voluttuose e dentro i suoi occhi ammiccanti come la chiave per accedere ad ogni segreto…

***

La parte terza dell’Etica – intitolata Origine e natura degli affetti (De origine et natura affectuum) – si apre con una delle vigorose e categoriche obiezioni tipiche di Spinoza ai “si dice” e ai “per lo più” della doxa (o della filosofia poco dotta):

“La maggior parte di coloro che hanno scritto sugli affetti e sul modo di vivere degli uomini, sembra che trattino non di cose naturali, che seguono le comuni leggi della natura, ma di cose che sono al di fuori della natura. Sembra anzi che concepiscano l’uomo nella natura come un impero nell’impero”.

Spinoza lo ha già detto più volte e non perde occasione per ribadirlo: bisogna 1) sgombrare il campo da antropocentrismi e finalismi campati in aria e 2) considerare le cose umane, comprese le azioni e i desideri, alla stregua di cose naturali, “come se si trattasse di linee, superfici e di corpi”.

(more…)