Posts Tagged ‘dissimulazione’

Dissimulazione sociale

martedì 3 maggio 2016

Occorrerebbe ricordarsi che le differenze di status sociale – le povertà, le ricchezze – sono funzioni l’una dell’altra: a rigore si tratta di impoverimenti che generano arricchimenti che generano impoverimenti che… Mentre è sorprendente osservare come sia facile convincere qualcuno che la sua povertà relativa è causata dalla povertà relativa – e non invece dalla ricchezza relativa – di qualcun altro. I ricchi, dopo aver conficcato i paletti di roussoiana memoria nella terra di cui si sono appropriati, sono diventati bravissimi a ficcarli negli occhi dei loro poveri servitori. E a indicare un povero più povero di te, come causa dei tuoi mali. La società è un capolavoro della dissimulazione.

Annunci

Arguire

giovedì 16 luglio 2009

sposato-donna-arguire_~1096010

“Se il conflitto fosse la soluzione
ai miei problemi
io sarei sempre in conflitto”.

(Caparezza)

Mentre affronta il delicato argomento delle passioni e degli affetti umani, Spinoza dice ad un certo punto che il linguaggio appare carente proprio nella sua capacità descrittiva (per i maniaci come me del rigore bibliografico, il passo si trova in Etica, parte III, Scolio alla prop. LII). Come dire: quel che si agita nel corpo e nella mente di un essere umano è a tal punto complesso e articolato, che il pensiero o la nostra arte classificatoria che trovano nella struttura linguistica il loro mezzo più potente, faticano non poco a stargli dietro. La filosofia arranca dietro alla vita – come si era già detto in altra occasione.
In linea di massima concordo, però sostengo, per amore del paradosso, che si possa affermare anche l’esatto contrario: talvolta la lingua è così ricca di sottigliezze e di sfumature da risultare barocca e sovrabbondante rispetto alla realtà cui si riferisce. O meglio: è la nostra scarsa padronanza del patrimonio linguistico (in primis di quello lessicale e semantico) a costituire una difficoltà. Del resto, quante sono le parole che quotidianamente usiamo? Certo, so bene che i diversi contesti richiedono usi e giochi linguistici diversi (dalla chat al saggio scientifico, dalla convivialità alla cortesia formale la gamma è piuttosto ampia e potenzialmente infinita).
In realtà tutto questo cappello, che non comincia nemmeno ad affrontare la questione, serviva solo ad introdurre il problematico uso di un termine con il quale mi sono recentemente misurato, e cioè arguire.

(more…)