Posts Tagged ‘ombre’

L’insostenibile gravità dell’esistere

giovedì 16 maggio 2013

kierkegaard

Pochissimo s’è parlato in questo blog di Søren Kierkegaard. Solo fugaci citazioni, in 4 o 5 occasioni, nulla di più. Il 5 maggio scorso ricorreva tra l’altro, nel più assordante dei silenzi, il bicentenario della sua nascita.
Del resto il filosofo danese non è di sicuro nelle mie corde – ed anzi, ricordo che all’università, io e un mio compagno con il quale ho avuto il piacere di condividere anni di forsennata passione filosofica (e di grandi bevute), eravamo soliti sbeffeggiare il povero Søren, in particolare per quella sequela di titoli angosciosi e funesti – Timore e tremore, Briciole filosofiche, Il concetto dell’angoscia, La malattia mortale… – a nostro avviso ben poco filosofici, e comunque lontani dal nostro stile irruento e vitale (io poi ero all’epoca un temibile estremista hegeliano!).

[En passant, Briciole di filosofia fu, se non erro, il primo blog filosofico che incontrai sul web, subito dopo aver aperto La Botte. Quasi una nemesi].

(more…)

Annunci

Mezzodì filosofico

lunedì 15 agosto 2011

Nel suo profondo vidi che s’interna
legato con amore in un volume,
ciò che per l’universo si squaderna;
sustanze e accidenti e lor costume,
quasi conflati insieme, per tal modo
che ciò ch’i’ dico è un semplice lume.

(Paradiso, canto XXXIII vv. 85 e segg.)

Mi succede talvolta di sentirmi filosoficamente appagato. Libero da ogni inquietudine ed irrequietezza. Ho tutto squadernato e apparecchiato davanti a me, chiaro e ben disposto, i nodi sciolti e i fili allineati, le domande e i dubbi esauriti (ed esauditi), la gerarchia causale dei concetti e delle questioni ben strutturata, nessun angolo oscuro, nessuna zona in ombra. Il mondo e la mente illuminati e persino trafitti dalla luce della ragione – e questa, immobilmente salda “quale un eterno mezzogiorno al quale non mai succeda la sera o come il vero sole che arde senza intermittenza, benché sembri tuffarsi nel seno della notte” – detto con una celebre immagine coniata da Schopenhauer, secondo cui “il sole della vita brilla di eterna luce meridiana” (si veda Il mondo come volontà e rappresentazione, § 54). In quei momenti del mezzodì filosofico, teorie e concetti appaiono con nitore e trasparenza, come se il mondo e la mia mente fossero tutt’uno, mente di una materia e materia di una mente, senza barriere, senza iati. Fusi e conflati l’una nell’altra. Ecco perché – in quei momenti, e solo in quei momenti – i pensieri si presentano in guisa tale da sembrare apodittiche verità. E dunque non sembrare, ma essere quel che sono e dire quel che dicono e significare quel che significano, senza pieghe od ombre. E quel che dicono è, ad esempio:
(more…)