Posts Tagged ‘pascal’

Polvere di stelle

mercoledì 15 maggio 2019

(la traccia del mio intervento introduttivo ad una conferenza di astrofisica sull’Universo in espansione, ultimo di un ciclo di 3 incontri sulle visioni dell’universo nella storia umana)

Avevamo visto come già nella visione di Dante (tolemaica e geocentrica) l’uomo non fosse in realtà al centro, quanto piuttosto in fondo all’universo, nella zona più bassa e più infima. Egli è però chiamato ad innalzarsi ai cieli della divinità, all’empireo – tramite la fede e la ragione.
In epoca moderna il cosmo aristotelico-tolemaico si frantuma per allargarsi all’infinito: Giordano Bruno annuncia gli infiniti mondi nei quali noi siamo sperduti e nei quali non può esserci alcun centro (altrimenti che infinito sarebbe?).
L’infinito, però, deraglia nella visione kantiana: la mente umana si aggroviglia nelle sue contraddizioni (le cosiddette antinomie), per fermarsi ad una sola apparente (soggettiva) certezza: spazio e tempo (lo spazio e il tempo della scienza newtoniana e della geometria euclidea) sono le condizioni imprescindibili della nostra conoscenza della natura. Ogni cosa si muove all’interno di un tempo uniforme che scorre e di uno spazio fisso che ci contiene.
(more…)

Annunci

Pascal.15 – contrappesi

martedì 23 agosto 2016

Il cristianesimo è strano. Ordina all’uomo di riconoscersi vile e abominevole, e gli ordina di voler essere simile a Dio. Senza un tale contrappeso, questa elevazione lo renderebbe orribilmente superbo, oppure quell’abbassamento lo renderebbe terribilmente abietto.
(537)

Pascal.14 – immaginare l’impossibile

domenica 21 agosto 2016

Immaginare un corpo pieno di membra pensanti.
(473)

Pascal.13 – giochi di prestigio

venerdì 19 agosto 2016

Ricerca del vero bene – La maggioranza degli uomini pone il bene nella fortuna e nei beni esteriori o almeno nei divertimenti. I filosofi hanno dimostrato la vanità di tutto questo e l’hanno messo dove hanno potuto.
(462)

Pascal.12 – prima io!

mercoledì 17 agosto 2016

Che aberrazione di giudizio quella per la quale non c’è nessuno che non si metta al di sopra di tutti gli altri e non preferisca il proprio bene individuale, la durata della propria felicità e della propria vita a quella di tutti gli altri!
(456)

Pascal.11 – su e giù

lunedì 15 agosto 2016

Se si vanta l’abbasso; se s’abbassa, lo vanto; lo contraddico sempre fino a che comprenda che è un mostro incomprensibile.
(420)

Pascal.10 – riconoscimento

sabato 13 agosto 2016

Grandezza dell’uomo – Abbiamo un’opinione così grande dell’anima dell’uomo che non possiamo tollerare di essere disprezzati e di non essere stimati; e tutta la felicità degli uomini consiste in questa stima.
(400)

Pascal.9 – pensiero di niente

giovedì 11 agosto 2016

Talvolta, scrivendo un pensiero, questo mi sfugge; ma ciò mi fa ricordare la mia debolezza, che dimentico ogni momento; e questo mi istruisce quanto il pensiero dimenticato, perché io non tendo ad altro che a conoscere il mio niente.
(372)

Pascal.8 – angeli e bestie

martedì 9 agosto 2016

L’uomo non è né angelo né bestia, e disgrazia vuole che chi vuol fare l’angelo fa la bestia.
(358)

Pascal.7 – senza trono

venerdì 5 agosto 2016

Quei grandi sforzi interiori, a cui l’anima arriva talvolta, sono cose in cui essa non dura; vi si lancia soltanto, non come sul trono, per sempre, ma per un momento solo.
(351)

Anche tutte queste miserie provano la sua grandezza. Sono miserie di un gran signore, miserie d’un re spodestato.
(398)