Posts Tagged ‘twilight’

Twilight, fiaba filosofico-reazionaria

lunedì 16 agosto 2010

“L’aspirazione all’immortalità personale
altro non è se non una ripresentazione
della massima Begierde animale,
quella dell’autoconservazione“.
(Luciano Parinetto a proposito di Schiller)

Naturalmente bisognerebbe prima intendersi per lo meno su due termini: fiaba e reazionario (tralasciando il terzo, che forse è un po’ abusivo in questo caso, ma pure cercherò di spiegarne la presenza). Mettiamola così, senza troppe complicazioni: fiaba – secondo Propp, Bettelheim, ecc. – è all’ingrosso quella struttura narrativa e simbolica diffusa in tutte le culture che mette in scena i conflitti esistenziali di base (bene/male, vita/morte, paura, felicità) secondo uno schema dialettico più o meno ricorrente e ripetitivo. Storie orali semplici da mandare a memoria, adatte anche ai bambini. Cappuccetto Rosso ne è l’incarnazione archetipica perfetta, direi. Mentre la reazione è – appunto – una reazione allo scardinamento della fissità, delle tradizioni, del consolidato: un fissarsi su valori (più o meno apparenti) che si presume vengano messi in discussione. E un movimento di ritorno e di ripristino.
Ed ora veniamo alla grande saga del crepuscolo che tanto sta facendo impazzire gli adolescenti di mezzo mondo (ma non solo, tanto per tornare a quel che si diceva qualche post fa). Gli ingredienti di cui sopra ci sono tutti: la bella e la bestia (oltretutto la protagonista si chiama Bella, da Isabella), il conflitto tra bene e male, l’amore e la morte, il tutto amplificato dalla figura terrifica del vampiro, che non comincio nemmeno ad analizzare (il sangue, la soglia vita/morte, la notte, la metamorfosi, l’eros, ecc.). (more…)

Annunci